INFRASTRUTTURE E TRASPORTO

Giganet Bridge

Sali sulla nostra rete ed entra nel futuro!

E’ un servizio di natura infrastrutturale, che si predispone per terminare un numero molto elevato di Giganet nella stessa sede. Il servizio è modulare e scalabile, a partire da una configurazione minimale per crescere secondo le tue esigenze, sfruttando le economie di scala e le ottimizzazioni degli spazi e di processo. Grazie al Bridge hai un ponte che ti mette direttamente a disposizione la nostra infrastruttura di trasporto

 

Click here for English version

 

Caratteristiche del servizio

Info tecniche

Canali ottici

Fino a 40 canali ottici a 100 Giga disponibili, per un numero elevatissimo di collegamenti a seconda di come vengono scelte le tipologie di trasponder e le relative interfacce

Tempi di ripristino da fault

Per Bridge Plus h 4:30
Per Bridge Basic h 8:00

Copertura

INFO

Possibile fornire il servizio ovunque siano colocati i due endpoint del collegamento, nel territorio nazionale

A chi è rivolto

L’offerta è rivolta a Operatori autorizzati di reti fisse, mobili o wireless che intendono realizzare dei centri stella dove terminare un elevato numero di collegamenti Giganet, sfruttando le economie di scala e i vantaggi della vendita diretta.

Nella nuova versione di Bridge pubblico, tramite un coinvestimento con i titolari dei data center, questa infrastruttura può rappresentare un prolungamento della rete di trasporto TIM, a disposizione di tutti gli operatori, nei punti dove è più alta la richiesta di collegamenti Giganet (exchange, data center, etc.)

Altro da sapere

Descrizione del servizio Giganet Bridge

Giganet Bridge è una infrastruttura che consente di terminare in maniera ottimizzata e conveniente un numero elevatissimo di collegamenti Giganet presso la stessa sede del Cliente.

Strutturalmente si tratta di una coda Cliente ad alta capacità, che realizza preventivamente per i futuri collegamenti Giganet terminati presso il centro stella del Cliente,  la tratta dalla sede Cliente (Base del Bridge) al nodo DWDM della rete di trasporto di TIM (salita del Bridge).

Esistono due tipologie di Bridge.

Il Bridge Basic che è caratterizzato da una coda in singola via, dove su ciascun apparato vengono installati dei multitrasponder che mettono a disposizione delle porte Ethernet per la realizzazione dei collegament Giganet. I vari flussi vengno multiplati sulla stessa coppia di fibra, dove possono essere realizzati fino a 38 canali ottici (cfr. figura sotto).

 

Nel caso di Bridge Plus, la coda è ridondata e ci sono due vie, ciascuna con 38 canali ottici, su cui istradare i flussi, e che permette di soddisfare dei requisiti di diversificazione tra collegamenti e abilita la realizzazione di collegamenti ridondati.

 

Le tipologie di trasponder che possono essere installati sui bridge sono i seguenti:

 

La soluzione è scalabile e consente una grande flessibilità. Si può infatti partire con una configurazione minimale di trasponder installati e immediatamente utilizzabili, in funzione delle proprie esigenze del momento. Se occorre si possono aggiungere in momenti successivo ulteriori componenti e ampliare le potenzialità del Bridge, fino a saturazione.

 

Grazie alla condivisione della stessa infrastruttura per più collegamenti, al crescere del numero di collegamenti che utilizzano il bridge si realizzano economie di scala sempre più importanti.

 

Infine il fatto di avere una componente dei collegamenti già preinstallata, consente di focalizzare l’attenzione nella costruzione della sola parte ancora da realizzare, con conseguente velocizzazione dei tempi di delivery.

 

Anche i tempi di offerta migliorano grazie al fatto che se il bridge non è saturo, la sede del Cliente, risulta immediatamente on net, per cui è più facile trovarsi nelle condizioni di vendita diretta, con la possibilità di avere delle offerte senza dover aspettare i tempi delle fattibilità.

Normalmente il Bridge deve essere preventivamente realizzato prima di poter essere utilizzato. Per poter formulare un’offerta su un Bridge è sempre necessario uno studio di fattibilità preventivo (sia per la prima realizzazione che per le successive eventuali espansioni) impostato sulla base delle esigenze del Cliente.

Il servizio è non regolamentato.

La struttura dei prezzi prevede per la realizzazione di ciascun Bridge un contributo una tantum (UT) e un canone mensile.

Per eventuali upgrade si prevede solo un contributo (UT), senza variare né il canone né la durata del Bridge.

Un bridge a sé stante non è utilizzabile se non per la realizzazione di collegamento Giganet.

La durata minima standard di un Bridge è di 5 anni e, in assenza di cessazioni richiesta dal Cliente, la durata viene prolungata automaticamente di anno in anno.

La struttura dei prezzi prevede per ciascun collegamento un contributo una tantum (UT) e un canone mensile.

I prezzi sono funzione della distanza e della soluzione scelta, e del livello di equipaggiamento del Bridge:

  • un canone mensile è affiancato ad un contributo di attivazione che va a coprire i costi infrastrutturali;
  • successivi upgrade non comporteranno variazioni sul canone, ma solo contributi per l’HW aggiuntivo.

Da oggi il servizio WNAM è disponibile per tutta la gamma dei servizi di connettività pregiata e con le 16 nuove API (Application ...