Gruppo TIM
Gruppo TIM
HomeServiziServizio di Triggering

Servizio di Triggering

Servizio di Triggering delle chiamate dirette a numerazioni mobili

Il servizio è rivolto agli Operatori interconnessi alla rete fissa TIM che non sono in grado di garantire la prestazione di “Direct Routing” per il corretto instradamento delle chiamate nazionali verso Numeri Mobili.

TIM consente a detti Operatori, attraverso il Servizio di Triggering, di ottemperare a quanto previsto dalla delibera 19/01/CIR, senza necessità di sviluppi impiantistici interni a proprio carico.

In particolare il servizio, disponibile su tutto il territorio nazionale più il territorio della Repubblica di San Marino, consiste nel:

  • riconoscimento delle chiamate vocali destinate a numerazioni di operatori mobili nazionali, che risultano instradate dall’Operatore senza l’anteposizione del Routing Number (e cioè in un formato detto “liscio”)

e

  • corretto instradamento di dette chiamate ai punti d’interconnessione con gli operatori mobili, mediante l’anteposizione a cura TIM degli appropriati Routing Number.

Le numerazioni interessate dal servizio sono quelle mobili e personali caratterizzate dall’indicativo “3XY”, destinate ad un operatore di rete mobile. Le chiamate complete di Routing Number, eventualmente consegnate dall’Operatore a TIM, non sono oggetto della presente prestazione e vengono consegnate alla rete dell’operatore mobile nazionale identificato dal Routing Number stesso. Il servizio di Triggering è erogato a carico dell’Operatore che consegna la chiamata alla rete di TIM ed ha il prezzo di:

1 euro/cent per conversazione (IVA esclusa).

Il Transito su rete fissa TIM e la Terminazione richiesta dall’operatore mobile di destinazione della chiamata sono valorizzati a parte, secondo le condizioni economiche riportate nella relativa documentazione contrattuale e nell’Offerta di Riferimento (Mercati 2/2007 ed 1/2014) di volta in volta vigente.

 

Servizio di Triggering delle chiamate dirette a numerazioni nomadiche

Il servizio è rivolto agli Operatori interconnessi alla rete fissa TIM che non sono in grado di garantire il corretto instradamento delle chiamate nazionali verso numeri in decade 55 di altro Operatore.

Per l’instradamento del traffico originato sia dalle reti mobili che dalle reti fisse di un Operatore terzo verso numerazioni nomadiche in decade 55 di altro Operatore, con Transito su rete fissa TIM, viene offerto da TIM il servizio di Triggering, se richiesto dall’Operatore di origine della chiamata.

Detto servizio consiste nell’analisi della numerazione 55 fornita dall’Operatore di origine della chiamata e nel suo corretto instradamento verso l’Operatore di destinazione, qualora quest’ultimo non sia riconosciuto dall’Operatore di Origine.

La numerazione in decade 55 consegnata alla rete di TIM ai fini del Triggering deve essere nel formato Routing Number previsto dalle Specifiche Tecniche di Interconnessione vigenti, ovvero:

C59 +OP_ID di Telecom Italia (204)+55UUUUUUUU.

Il servizio di Triggering non è applicato da TIM nel caso in cui l’Operatore di origine della chiamata invii la stessa nel formato: C50 + OP_ID + 55UUUUUUUU, con OP-ID dell’Operatore assegnatario della decade 55, che deve essere quindi sempre diverso da quello di TIM, non avendo al momento TIM servizi su numerazioni di decade 55.

TIM in tal caso effettua il transito puro verso l’Operatore di destinazione indicato senza alcuna attività di triggering. Nel caso l’OLO inserisca nella chiamata l’OP_ID di TI (204), la chiamata viene abbattuta.

Ovviamente qualora la chiamata venga instradata verso la rete di TIM nel formato C59+OP_ID diverso da TIM + 55 UUUUUUUU, quest’ultima instraderà la stessa, senza alcun triggering, verso la rete dell'Operatore a cui fa riferimento l'OP_ID.

Il servizio di Triggering è erogato a carico dell’Operatore di origine che consegna la chiamata alla rete di TIM ed ha il prezzo di:

1,81 euro/cent per conversazione (IVA esclusa).

Il costo del Triggering viene in genere sostenuto dell’Operatore di origine, a meno di accordi differenti tra l’Operatore di origine e l’Operatore di destinazione assegnatario di decade 55, che devono essere notificati a TIM a mezzo lettera raccomandata o fax.